Terre e Sapori del “Bel Paese” – La cucina garfagnina

logo-articolo-cucina-garfagnina

La Cucina in Garfagnana

La Garfagnana, è posta tra le Alpi Apuane e l’Appennino Tosco-Emiliano.

Tra le ricchezze del suo patrimonio artistico, vanta una gastronomia varia con piatti tradizionali originati da un’economia agricolo-montana favorita dalle condizioni climatiche del suo territorio, che si riflette in una cucina semplice, sostanziosa, ma non elaborata.

Lo stile di vita ed i suoi ritmi, in passato, non lasciavano il tempo per preparazioni complicate, lunghe e laboriose.

La cucina garfagnina prevede ricette genuine, semplici negli ingredienti e nella preparazione, basate su prodotti freschi seguendo  il ritmo della natura e delle stagionalità.

Offre sapori di montagna come funghi, utilizzati nelle ricette tradizionali sia freschi sia essiccati.

Castagne, insaccati, formaggi, cacciagione e piatti della cucina tipica contadina come minestre di legumi, zuppe di farro, polenta di granturco.

Inoltre, da non dimenticare, il miele.

L’apicoltura, diffusa in Garfagnana, offre il delicato miele di acacia, di castagno dal sapore più intenso e deciso ed il millefiori.

I prodotti tipici

Di particolare evidenza due simboli della cucina garfagnina: il Farro e la Farina di neccio che hanno ricevuto importanti riconoscimenti di qualità rispettivamente IGP e DOP.

(Farro della Garfagnana I.G.P. e la Farina di Castagne della Garfagnana D.O.P.)

Il farro

Il Farro, riscoperto oggi su tutto il nostro territorio, è un prezioso cereale resistente al freddo che viene raccolto nei mesi di giugno e luglio ed utilizzato in sostituzione della pasta e del riso.

Inoltre con la farina ricavata dalla sua macinazione si preparano focacce, pasta, dolci e biscotti.

Le Castagne

Le Castagne sono il frutto simbolo del  principale cibo utilizzato dalla popolazione durante i periodi di guerra e carestia.

Le castagne possono essere consumate fresche, arrostite su padelle forate (le mondine), bollite (le ballotte), oppure essiccate a fuoco lento nei metati ed in minima parte vengono così consumate, mentre la maggior parte vengono portate ai mulini per la macinazione.

Con la farina così ottenuta si preparano diversi piatti tradizionali: la polenta, il castagnaccio, le frittelle e i necci con ripieno dolce o salato.

L’antica cucina tradizionale garfagnina è dunque a tutt’oggi di grande interesse nel panorama gastronomico del nostro Bel Paese.

Grazie al territorio, favorito dalle caratteristiche morfologiche e dalle condizioni climatiche, offre prodotti genuini e di alta qualità che riscuotono grande successo anche nel nostro tempo.

D.ssa Sabrina Pierdomenico

Dietista

 

Comments are closed.